LA CAVALLERIA ESOTERICA ISLAMICA: I SUFI

VENERDI’ 3 NOVEMBRE ORE 21.00

“ I Cavalieri del Tempio, partiti come cristiani exoterici al servizio della Chiesa Romana, quando conobbero i Cavalieri dell’Islam, anch’essi custodi dei luoghi santi e detentori di una dottrina esoterica, compresero altre cose e divennero i custodi del Graal.”

Tommaso Palamidessi

18°Quaderno di Archeosofia – Esperienza Misterica del Santo Graal

Dopo la sua nascita, nel VII secolo dopo Cristo, l’espansione dell’impero islamico sembra inarrestabile. Una nuova religione, quella musulmana, viene affermata, anche con la forza, dalle armate arabe. In questo contesto, dalle ceneri dell’antico culto solare dell’impero persiano, sorge la corrente mistica ed esoterica musulmana del sufismo.

Così come in tutte le religioni che hanno caratterizzato l’evoluzione spirituale dell’Uomo si è avuta una differenziazione di un insegnamento exoterico e di massa rispetto ad uno esoterico ed elitario riservato a pochi, anche in seno all’Islam si distingue una via per i molti, la “Shari’ah” ed una via per pochi ed eroici fedeli: la Via Iniziatica del Sufismo.

Questo sentiero esoterico e riservato, prevedeva non soltanto degli insegnamenti scritti, ma anche una tradizione orale al fine di poter velare ad occhi profani i riti, i simboli e le tecniche segrete propri della corrente sufi. Un piccolo viaggio per comprendere il pensiero, la mistica, il sentiero spirituale ed i culti misterici che hanno caratterizzato i cavalieri esoterici d’oriente dalla cui dottrina, insegnata all’interno di speciali circoli spirituali, si svilupperanno la poesia, la musica e l’alchimia tipica del mondo arabo.

relatori
Dott. Francesco Parisi

( Associazione Archeosofica sez. di Grosseto )